Portale esclusivo pensato per i nostri clienti e partners

Log in

Richiedi l'accesso

logo
logo
countries flags

Planning & Reporting: 5 segnali da tenere sotto controllo

Nov. 27 2020 di Leslie Cant, Product Marketing Director - CCH Tagetik

Performance Management Budgeting & Pianificazione

Fare attenzione a tutte le fasi del Planning e del Reporting è fondamentale per capire se possono esserci aree di ottimizzazione e miglioramento dei processi.

Se riconosci uno dei seguenti segnali potrebbe significare che i tuoi processi di Planning e Reporting non sono propriamente basati sui dati e che, forse, non ne hai pienamente il controllo.

  1. I compiti semplici diventano complessi: devi costruire ogni processo con le relative funzionalità da zero.
  2. Non è possibile identificare chi ha fatto cosa: il processo di audit è lungo ed è necessario rivolgersi a risorse tecniche per sapere chi tra i collaboratori ha eseguito una certa attività e come l’ha svolta.
  3. L’area Finance è dipendente dall’IT: il fatto che sia necessario coinvolgere un esperto IT per creare e aggiornare le attività dell’area Finance è sinonimo di una mancanza di controllo sui processi amministrativi e finanziari.
  4. È impossibile tenere il passo con il mercato: se impieghi molto tempo per fare simulazioni e allocazioni potresti restare indietro sulle attività di analisi e di controllo. Per fronteggiare con rapidità i cambiamenti del mercato è necessario prendere decisioni in base a informazioni e dati disponibili in tempo reale.
  5. I report non sono facilmente reperibili: quando apportare modifiche ai dati significa poi dover andare ad aggiornare manualmente un report, il rischio è di avere dati incoerenti ed errati e tutto ciò che ne consegue.

Dal lato della tua esperienza, avrai certamente notato che al verificarsi di una di queste situazioni è necessario impiegare molto tempo alla manutenzione dei dati, allo scripting, alle riconciliazioni, alla programmazione, allo svolgimento di attività manuali. Tutto tempo che potrebbe essere meglio investito su attività più strategiche per il business.

Come fare? La soluzione migliore è quella di evolvere il processo di Planning & Reporting passando dalla logica di database a un modello data-driven.

Software data-driven: quali sono i vantaggi?

Con un software data-driven, potrai semplificare l'analisi dei dati, verificare diversi scenari, identificare le tendenze e raccogliere gli insight più utili per prendere le decisioni.

I benefici che ne derivano sono:

  • avere il controllo dei processi di Planning e Reporting;
  • allineare i piani finanziari e operativi;
  • ridurre la dipendenza dalla programmazione IT;
  • migliorare l'efficienza dei processi;
  • accorciare il ciclo di pianificazione;
  • aumentare il ROI riducendo i costi di gestione;
  • incrementare l'accuratezza e la tempestività del reporting;
  • indirizzare le scelte strategiche e di business.

Il primo passo verso la Financial Transformation, quindi, si configura nella scelta di una piattaforma unificata in grado di gestire tutti i processi dell’area Finance dal Budgeting e Planning, al Consolidamento di bilancio, la Chiusura dei conti, il Reporting e la Disclosure, l'Analisi della Profittabilità e l’adeguamento alle normative (Compliance Regulatory Reporting).

L'allineamento tra i dati finanziari e operativi e l’affidabilità di un’unica soluzione gestita dall’ufficio Finance, ti consentiranno di raggiungere un nuovo livello di controllo sui processi. Sarà, infatti, possibile valorizzare il patrimonio di dati operativi e granulari in informazioni economico finanziarie “azionabili” che possono essere immediatamente sfruttate dal management aziendale nel prendere decisioni sul business.

Scarica il Whitepaper "Evolve your Planning & Reporting" e visita il sito di CCH Tagetik per scoprire la soluzione più adatta alle tue esigenze. Preparati subito alla Financial Transformation!

cch tagetik solutions

Share this post!